Emergenza Covid-19: dall’Europa flessibilità per gli aiuti di Stato alle imprese

COSA SONO GLI AIUTI DI STATO

Chi ha partecipato a bandi di contributo, per richiedere un finanziamento a fondo perso o agevolato, spesso si è imbattuto nella regola del “de minimis”: si tratta di una norma, in applicazione degli articoli 92 e 93 del Trattato istitutivo dell’Unione Europea, che disciplina gli Aiuti di Stato.
Nella pratica, questa normativa fissa il limite massimo di contributi pubblici che un’impresa può ottenere: l’obiettivo è quello di non violare le norme sulla concorrenza, prevedendo che gli Stati Membri possano riconoscere alle imprese aiuti di entità limitata, senza dover attendere l’autorizzazione europea.

LE SOGLIE

Il de minimis fissa quindi il limite di € 200.000,00 ottenibili per ogni impresa, ammontare da calcolare sommando i contributi ricevuti nell’arco dell’ultimo triennio. Al riguardo, è stato attivato a livello nazionale anche un apposito Registro Nazionale degli Aiuti di Stato dove ciascuna impresa può verificare l’entità degli aiuti ricevuti nell’ultimo triennio e, di conseguenza, conoscere il margine ancora attivabile.

FLESSIBILITA’ TEMPORANEA

L’emergenza legata a COVID-19 ha tuttavia portato la Commissione Europea ad attivare una misura senza precedenti, per fronteggiare l’attuale crisi: in via temporanea (attualmente fino al 31 dicembre 2020) la soglia limite dei fondi è stata innalzata a € 800.000,0.
Questa misura ha l’obiettivo di consente agli Stati membri di garantire che le imprese di tutti i settori e dimensioni dispongano di liquidità sufficiente e di preservare la continuità dell’attività economica durante e dopo l’epidemia di COVID-19.

LE MISURE ADOTTATE

La decisione della Commissione Europea si declina in un quadro temporaneo di riferimento, articolato in cinque tipi di aiuti:
•    sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali selettive e acconti
•    garanzie di Stato per prestiti bancari contratti dalle imprese:
•    prestiti pubblici agevolati alle imprese
•    garanzie per le banche che veicolano gli aiuti di Stato all’economia reale
•    assicurazione del credito all’esportazione a breve termine

Fonte: Fast Contributi